Traduzione Legalizzata del Certificato di Nascita

Nei casi in cui il tuo Comune richiede la traduzione giurata del certificato di nascita o di altri certificati come stato libero, cittadinanza, residenza o certificato di morte, oppure se hai bisogno di richiedere la cittadinanza italiana, o ancora se hai bisogno di spostarti all’estero ed hai bisogno del certificato di nascita tradotto e legalizzato per farlo valere nel Paese in cui ti sposerai, MY SCHOOL agenzia di traduzione professionale offre il servizio di traduzione giurata del certificato di nascita e di altri documenti anagrafici del Comune per qualsiasi utilizzo.

Traduciamo certificati di nascita e di qualsiasi tipologia in italiano e anche in inglese, francese, tedesco,  spagnolo.

Traduzione Giurata (Asseverata) del Certificato di Nascita e Legalizzazione / Apostille

La traduzione, l’asseverazione e la legalizzazione/apostille di un certificato di nascita sono necessari per far valere ufficialmente un certificato di nascita rilasciato in Italia per l’estero o viceversa per far valere in Italia un certificato di nascita rilasciato da un paese straniero.

La procedura di asseverazione del documento è molto complessa, innanzitutto è necessario stabilire l’origine e la destinazione:

  1. Italia — > Paese estero
  2. Paese estero — > Italia

Procedura per il certificato di nascita italiano da utilizzare in un paese aderente alla convenzione dell’Aia

Se il paese di destinazione è aderente alla convenzione dell’Aia,  il certificato di Nascita rilasciato dal Comune deve essere portato in Prefettura (la stessa della provincia in cui si è stato registrato l’atto), quindi richiedere presso l’ufficio preposto l’apposizione del timbro dell’apostille . Una volta completato questo passaggio, il documento viene dalla nostra agenzia tradotto nella lingua di destinazione e portato in tribunale per l’asseverazione. Infine, sempre la nostra agenzia provvede a portare il documento tradotto ed asseverato presso la Procura della Repubblica per l’apostille finale. Il documento finale sarà quindi composto da un plico contenente il documento originale con il relativo timbro dell’apostille della Prefettura, il documento tradotto con il verbale di asseverazione, le marche da bollo e i timbri del tribunale, il timbro dell’apostille della Procura il tutto spillato e tenuto insieme, attenzione non è possibile staccare i documenti così composti pena la perdita del loro valore legale.

Procedura per il certificato di nascita italiano da utilizzare in un paese non aderente alla convenzione dell’Aia

Se, invece, il paese di destinazione non fa parte della convenzione dell’Aia il documento deve essere ugualmente portato in primis in Prefettura presso lo stesso ufficio sopra menzionato, ma in questo caso deve essere apposto il timbro di legalizzazione. Una volta completato questo passaggio, il documento viene dalla nostra agenzia tradotto nella lingua di destinazione e portato in tribunale per l’asseverazione. Successivamente, sempre la nostra agenzia provvede a portare il documento tradotto ed asseverato presso la Procura della Repubblica per la legalizzazione finale, inoltre per tali Paesi può essere necessario un ulteriore passaggio che prevede l’apposizione di un timbro e il pagamento di una tariffa presso il Consolato del paese di destinazione.

Procedura per il certificato di nascita estero di un paese aderente alla convenzione dell’Aia da far valere in Italia

Nel secondo caso, se il paese di origine fa parte dell’elenco dei paesi aderenti alla convenzione dell’Aia allora il titolare del documento recarsi presso la competente autorità interna designata da ciascuno Stato – e indicata per ciascun Paese nell’atto di adesione alla Convenzione stessa (normalmente si tratta del Ministero degli Esteri) – per ottenere l’apposizione dellapostille sul documento. Così perfezionato, il documento viene riconosciuto in Italia. Successivamente, la nostra agenzia provvede a tradurre in italiano tale documento e infine ad asseverare tale documento presso il Tribunale.

Procedura per il certificato di nascita estero di un paese non aderente alla convenzione dell’Aia da far valere in Italia

Se il paese di origine non fa parte dell’elenco dei paesi aderenti alla convenzione dell’Aia allora il titolare del documento deve provvedere alla legalizzazione presso le rappresentanze diplomatico-consolari italiane all’estero.
Tali atti e documenti, eccetto quelli redatti su modelli plurilingue previsti da Convenzioni internazionali, devono inoltre essere tradotti in italiano.
Le traduzioni devono recare il timbro “per traduzione conforme”. Nei Paesi dove esiste la figura giuridica del traduttore ufficiale la conformità può essere attestata dal traduttore stesso, la cui firma viene poi legalizzata dall’ufficio consolare.
Nei Paesi nei quali  tale figura non è prevista dall’ordinamento locale occorrerà necessariamente fare ricorso alla certificazione di conformità apposta dall’ufficio consolare.

Per procedere alla legalizzazione il richiedente dovrà presentarsi, previo appuntamento, presso l’Ufficio consolare munito dell’atto (in originale) da legalizzare.
Al fine di ottenere il certificato di conformità della traduzione il richiedente dovrà presentarsi, previo appuntamento, presso l’Ufficio consolare munito del documento originale in lingua straniera e della traduzione.

Gli atti di cui sopra sono soggetti al pagamento dei diritti di cui alla Tariffa consolare attualmente vigente.

CHIAMACI

08331939183

0833 1939183
INVIA UNA EMAIL

traduzioni@myschooledu.it

Accetto le condizioni di utilizzo del sito e l’informativa sul trattamento dei dati personali.*

Call Now Button